Cookie Consent by Free Privacy Policy website Agenda appuntamenti Fondazione Torino Musei 19 - 25 gennaio 2024
gennaio 15, 2024 - Fondazione Torino Musei

Agenda appuntamenti Fondazione Torino Musei 19 - 25 gennaio 2024

DOMENICA 21 GENNAIO
Domenica 21 gennaio ore 10.30
LIBERTY IN BORGO CRIMEA
Palazzo Madama – percorso guidato in città
Il percorso guidato, legato alla mostra Liberty. Torino Capitale, in corso a Palazzo Madama fino al 10 giugno 2024, intende presentare un'area della città fortemente caratterizzata da costruzioni sorte durante il periodo del Liberty con esempi di edifici destinati sia alla residenza
che alla produzione e all'istruzione. Passeggiando lungo le strade sarà possibile cogliere esempi di architetture e decorazioni ispirate sia all'Art Nouveau floreale che ai modelli più geometrici tipici dello Jugendstil.
Borgo Crimea è un antico borgo precollinare, che vide il suo sviluppo verso la fine del XIX secolo, specialmente dopo la costruzione del ponte sul Po, dedicato a Umberto I, in occasione dell'Esposizione del 1911. Lungo corso Fiume e le vie adiacenti vennero costruite numerose residenze dell'alta borghesia con forti connotazioni legate al nuovo stile Liberty ancora visibili.
Ritrovo ore 10.30 in corso Fiume angolo corso Moncalieri
Costo singolo itinerario: 14€ intero; 11€ ridotto (possessori di Abbonamento Musei e under 18); gratuito under 6
Durata: 2 ore
Pacchetto tre visite: 38€ intero; 29€ ridotto
Ai visitatori che parteciperanno alla visita guidata della mostra Liberty. Torino Capitale (in calendario ogni lunedì alle ore 11 e ogni venerdì, sabato e domenica alle ore 16.30) abbinata a uno o più percorsi tematici sul Liberty sarà riservata una tariffa speciale:
costo visita guidata mostra Liberty. Torino Capitale + itinerario singolo Liberty in città: 18€
costo visita guidata mostra Liberty. Torino Capitale + pacchetto itinerari Liberty in città: 36€
Info e prenotazioni: t. 011 5211788 (lun - dom 9 - 17.30); prenotazioniftm@arteintorino.com
Prossimi appuntamenti
Venerdì 26 gennaio ore 14.30Un nuovo quartiere al posto della Cittadella
Giovedì 1 febbraio ore 14.30: Palazzina Lafleur e la bizzarria del nuovo stile Liberty
domenica 21 gennaio ore 11
BIMBI E BIJOUX
Palazzo Madama – attività per famiglie con bambini dai 4 ai 5 anni
Liberty. Torino Capitale, l'attuale mostra ospitata a Palazzo Madama, racconta quanto il Liberty abbia coinvolto con la sua raffinata eleganza ogni aspetto della vita e della società dell'epoca.
Tra queste manifestazioni spicca una produzione di gioielli e bijoux in metallo dalla linea morbida e sinuosa: spille, ciondoli e fermagli di forma fitomorfa, variamente evocati dalla natura.
Ispirati dai motivi visti in mostra, ciascuno realizzerà il proprio bijoux in lamina di rame e colori acrilici.
Costo bambini: € 8 (biglietto di ingresso alla mostra gratuito)
Costo adulti accompagnatori: biglietto di ingresso alla mostra ridotto; gratuito per i possessori di Abbonamento Musei
Informazioni e prenotazioni: 0115211788 – prenotazioniftm@arteintorino.com
Prenotazione obbligatoria e pagamento online
Domenica 21 gennaio ore 10:30
STORIE DI SENSI
GAM – Attività per le famiglie sulla mostra Hayez. L'officina del pittore romantico
Bambini 3-5 anni
In occasione della mostra "Hayez. L'officina del pittore romantico" la GAM propone un'attività dedicata ai visitatori più piccoli. Nelle opere di Hayez colpisce il modo sapiente in cui il pittore riesce a realizzare vestiti e costumi che appartengono ad epoche storiche lontane. Insieme ai bambini nel percorso di visita osserveremo panneggi, tessuti, textures, cercando di svelare i metodi e segreti di questo grande pittore, a partire dai disegni preparatori per arrivare alle opere su tela.
Gli spazi dell'Educational Area si trasformeranno in un originale atelier di moda dove, sperimentando la sensazione tattile di diversi tessuti, proveremo a creare una nuova veste per i personaggi incontrati e osservati durante la visita.
Costo bambini: 8 euro (biglietto d'ingresso al museo gratuito)
Costo adulti accompagnatori: biglietto d'ingresso alla mostra ridotto, ingresso gratuito ai possessori di Abbonamento Musei Torino Piemonte e Valle d'Aosta
Informazioni e prenotazioni: 011 5211788 - prenotazioniftm@arteintorino.com
Prenotazione obbligatoria e pagamento online
Domenica 21 gennaio ore 15
CORPI CELESTI
GAM – Attività per le famiglie sulla mostra Gianni Caravaggio. Per analogiam
Adulti e Bambini dai 6 anni in su
Nell'universo governato dalla legge dell'analogia, nulla accade per caso: tutto è cosmico, tutto ha un senso. Sta allo sguardo di chi legge i suoi simboli tracciare i fili di connessione tra i fenomeni, tra ciò che è sopra di noi e le piccole cose che compongono la vita, tra l'universo che ci circonda e l'immagine del mondo dentro di noi. La visita guidata alla mostra "Per analogiam" di Gianni Caravaggio, dedicata ai genitori, permetterà di allenare lo sguardo e il pensiero, invitando alla riflessione e al silenzio, alla ricerca del mistero che si racchiude nelle piccole cose e nella semplicità della forma.
Contemporaneamente i bambini, partendo dall'osservazione delle due opere "Principio" del 2008 e "Giovane universo" del 2014 sperimenteranno negli spazi dell'Educational Area la forma, lo spazio, il movimento e il colore alla ricerca della loro personale rappresentazione dell'universo.
Costo bambini: euro 7 (biglietto d'ingresso al museo gratuito)
Costo adulti: euro 7 più biglietto di ingresso al museo ridotto (ingresso gratuito ai possessori di Abbonamento Musei Torino Piemonte e Valle d'Aosta)
Informazioni e prenotazioni: 011 5211788 - prenotazioniftm@arteintorino.com
Prenotazione obbligatoria e pagamento online
GIOVEDI 25 GENNAIO
Giovedì 25 gennaio ore 15
LE ORE DI TORINO-MILANO E ALTRI MANOSCRITTI FIAMMINGHI
Palazzo Madama – conferenza con Dominique Vanwijnsberghe, IRPA - Institut Royal du Patrimoine artistique, Bruxelles; introduzione a cura di Simonetta Castronovo, conservatore di Palazzo Madama, e Fabrizio Crivello, Dipartimento di Studi Storici dell'Università degli Studi di Torino
Un pomeriggio dedicato ai capolavori della miniatura fiamminga di Palazzo Madama.
Dal 2020 il Museo Civico sta lavorando, in collaborazione con l'Università di Torino, alla schedatura, campagna fotografica e studio della propria collezione di codici miniati e miniature ritagliate.
La conferenza apre una finestra sul mondo fiammingo, le cui opere – caratterizzate da una descrizione lenticolare della realtà -  tanto influirono sulla produzione figurativa tra Piemonte e Savoia nel XV e XVI secolo.
Le collezioni del Museo Civico d'Arte Antica di Torino comprendono diversi capolavori della miniatura degli antichi Paesi Bassi borgognoni, il più famoso dei quali è senza dubbio il manoscritto delle Ore Torino-Milano. Si prenderà quindi in considerazione la situazione degli studi dopo la pubblicazione del facsimile nel 1996 e l'imponente commento scritto per l'occasione da Anne H. Van Buren. Mentre fino a quel momento sembrava esserci un sostanziale consenso a favore
dell'identificazione della mano G come quella di Jan van Eyck, da allora si è cominciato a mettere in discussione questa ipotesi. Inoltre, la pubblicazione di fotografie ad alta risoluzione delle pagine miniate del manoscritto sul sito Closer to Van Eyck, ospitato dall'Institut Royal du Patrimoine Artistique (IRPA, Bruxelles), ha riacceso le discussioni tra gli specialisti. Si affronterà anche la delicata questione delle ridipinture, che distorcono la percezione delle miniature.
Un altro manoscritto affascinante è il Libro d'Ore 446/M, attribuito dagli anni Settanta al pittore e miniatore di Valenciennes Simon Marmion. L'estetica dello "spazio perduto", con numerose pagine bianche e bordi vuoti, è tipicamente borgognona, così come l'uso della grisaille. Il manoscritto contiene stemmi parzialmente cancellati, che sono riconducibili alla famiglia dei Rolin, grandi servitori dello Stato borgognone. Infine, si esamineranno due Libri d'Ore di fattura più modesta, realizzati a Bruges negli anni Sessanta del Quattrocento da miniatori della cerchia di Willem Vrelant.
Dominique Vanwijnsberghe ha conseguito il dottorato in storia dell'arte (Katholieke Universiteit Leuven, 1996) ed è responsabile di ricerca presso l'Institut Royal du Patrimoine artistique (IRPA, Bruxelles), dove dirige l'unità di ricerca sulla storia dell'arte e sugli inventari all'interno del dipartimento di documentazione. È stato Visiting Fellow all'Università di Princeton (1997-1998), alla Ruprecht-Karls-Universität di Heidelberg (2003-2004) e alla Section des Sources iconographiques dell'Institut de Recherche et d'Histoire des Textes (CNRS, Parigi/Orléans) (2009). Ha ottenuto l'abilitazione a dirigere la ricerca dall'Università di Lille-III nel 2011. È membro effettivo dell'Académie Royale d'Histoire de l'Art et d'Archéologie de Belgique. I suoi ambiti di specializzazione sono la pittura e la miniatura tardo-medievali nei Paesi Bassi meridionali e la ricezione dell'arte medievale nel periodo moderno.
Ingresso libero fino a esaurimento posti
Giovedì 25 gennaio ore 18.30
YA TOSIBA
Folk elettronico che riscrive e si riappropria delle tradizioni poetiche orali del Caucaso
MAO – performance nell'ambito del public program di Trad u/i zioni d'Eurasia
Nato dalla collaborazione tra la musicista e cantante azera Zuzu Zakaria e il produttore finlandese Tatu Metsätähti, Ya Tosiba unisce elettronica, strumenti suonati dal vivo e latradizione poetica orale del Caucaso in un suono moderno e accattivante.
L'ultimo album di Ya Tosiba "ASAP Inşallah" (Huge Bass, 2023) trasporta l'ascoltatore in un viaggio globale, con influenze che vanno dai norvegesi Center of the Universe, al francese Poborsk, dall'ucraina Zavoloka, agli svedesi Pavan e Daniel Savio fino ad arrivare all'azero Rahman Memmedli.
Quattro dei brani dell'album attingono al genere meykhana, uno stile di musica nuziale improvvisata azera, con "battaglie di poesie" accompagnate da una chitarra elettrica microtonale. Bandito durante il periodo comunista, il meykhana ha visto una rinascita dopo la caduta dell'Unione Sovietica nei talent show televisivi, sebbene sia ancora considerato una forma dicultura bassa. Zakaria presenta un approccio molto personale al genere, sovvertendone sia le tradizioni di genere che quelle musicali. "Le donne non sono invitate a questo rituale, fatto da uomini per uomini, e questo rende senza dubbio ancora più importante per me continuare a farlo" dice.
Mentre Zakari canta in azero, la narrazione di ASAP Inşallah prende vita. Tutti i testi dell'album riprendono poesie e testi tradizionali con racconti che narrano della tensione tra romanticismo e guerra, sesso e genere, natura e tecnologia, politica e società. Sebbene le storie siano varie e alcune abbiano una base storica, tutte attingono a questa tensione; è il peso della storia contro la promessa del domani.
Tariffe: 15 € intero e 10 € ridotto studenti acquistabili presso la biglietteria del Museo il giorno del concerto.
16 € intero con prevendita sul sito.

Ti potrebbe interessare anche

maggio 07, 2024
maggio 03, 2024
maggio 02, 2024

VENERDI 10 MAGGIOVenerdì 10 maggio ore 18:00LE FORZE CHE CI ORIENTANOGAM – Evento conclusivo per "Accademia della Luce" – Luci d'A...

Sono 26.340 le persone che hanno visitato, tra giovedì 25 aprile e mercoledì 1 maggio 2024, le collezioni permanenti e le mostre i...

Sulla facciata del MAO sventola una bandiera bianca, ma non è un segno di resa o un simbolo di rassegnazione, anzi. La bandiera, o...