luglio 25, 2018

Torna l’appuntamento annuale con il Cervino CineMountain, la rassegna internazionale di film di montagna più alta d’Europa, giunta quest’anno alla sua XXI edizione.

XXI EDIZIONE

Il programma, i #film in concorso, i grandi ospiti

Protagoniste le storie, le avventure, e le emozioni a tutto tondo con le pellicole in lizza nelle varie categorie – su tutte i Grand Prix des #festival - e i grandi ospiti tra i quali #claudiochiappucci e #ivanbasso, #giovannisoldini e Hervé Barmasse, #Manolo e #kurtdiemberger, le straordinarie fatiche del #tordesgeants, una serata dedicata al coraggio, alla forza e alle tenacia delle donne e un emozionante ricordo di #ermannoolmi.

Dal 4 al 12 agosto, #Cervinia e #Valtournenche si trasformano in palcoscenico trasportandoci nei territori dell’avventura e dell’immaginazione.

Siamo a 2000 metri di quota: il #cervinocinemountain è il #festival internazionale di #film di montagna più alto d’Europa. Dal 1998, in piena estate, #Cervinia e #Valtournenche si trasformano in una sala cinematografica, ma soprattutto in un luogo dove si crea una cultura comune e si nutre un immaginario potente ed evocativo, prevalentemente attraverso i #film, ma anche gli spettacoli e le performance. La sagoma inconfondibile del Cervino si affaccia su questo palco naturale come una quinta teatrale, manifesto vivente – dello spirito del #festival.

Evento centrale della programmazione culturale estiva della regione Valle d’Aosta, il #cervinocinemountain viene definito come l’Oscar dei #film di montagna: in una decina di giorni il pubblico trova riuniti in cartellone tutti i #film che hanno entusiasmato le platee dei più noti #festival internazionali, provenienti dal circuito dell’International Alliance for Mountain #film: da quello di Trento a quello di Katmandu, passando per le rassegne più importanti ai 4 angoli del globo. Tra queste pellicole viene selezionata la vincitrice, a cui è assegnato il Grand Prix des Festivals - Conseil de la Vallée. È una sintesi della migliore e più recente produzione cinematografica internazionale dedicata al tema: i #film che hanno fatto incetta di premi confluiscono in questa sintesi che racconta lo “stato dell’arte” della filmografia di montagna.

La rassegna, diretta da Luisa Montrosset e Luca Bich, con il coordinamento di Gian Luca Rossi e presieduta da Antonio Carrel, storica guida del Monte Cervino, vuole fare luce inoltre sul concetto di montagna come patrimonio: un bene fragile dal punto di vista ambientale, che richiede una consapevolezza particolare, una coscienza vigile e allenata e un maggior dispendio di energie. Raccontarla significa in un certo qual modo proteggerla, ed è una responsabilità condivisa, così come sono condivise le emozioni che regala questo ambiente.

Con il sostegno di: Comune di #Valtournenche, organizzatore del #festival, MIBACT (Ministero dei Beni Culturali, Direzione Generale Cinema), Regione Autonoma Valle d’Aosta, Consiglio regionale e Assessorato al Turismo e Trasporti, Fondazione CRT, CAI (Club Alpino Italiano), Montura - Alpstation, Compagnia Valdostana delle Acque (CVA), SONY Italia e Banca Sella.

LA GIURIA DELLA XXI EDIZIONE

La montagna, il #cinema e la cultura in tutte le sue anime sono i tratti distintivi dei tre grandi giurati di questa edizione: Mirella Tenderini, Jean- Philippe Guigou e Nicolò Bongiorno.

Nata a Milano, Mirella Tenderini ha vissuto per quindici anni sulle Alpi come custode di rifugi con suo marito guida alpina. In seguito si trasferisce ai Piani Resinelli, sopra Lecco, e inizia a lavorare nell’editoria a Milano, dove fonda anche un'agenzia letteraria internazionale. Decana della letteratura di montagna, ha collaborato con la rivista italiana "Alp" e con numerose riviste alpinistiche straniere e ha ideato e curato collane di libri di montagna per gli editori Vivalda e CdA di Torino. Ha fatto parte della giuria di diversi premi letterari per libri di montagna e di premi per #film di montagna in Italia, Francia e Canada.

Dopo 15 anni di lavoro nella pubblicità, nel 2005 Jean-Philippe Guigou ha creato la Filigranowa, società francese di distribuzione cinematografica specializzata nei #film di montagna che iniziò la propria attività pubblicando la prima edizione DVD francese del #film "Gasherbrum, la montagna luminosa" di Werner Herzog con Reinhold Messner e Hans Kammerlander. Da più di 10 anni, Filigranowa ha pubblicato e distribuito in Francia decine di #film realizzati dai più grandi registi di #cinema di montagna : Fulvio Mariani, Gerhard Baur, Richard Dennison, Michael Dillon, Alastair Lee e molti altri. Per anni, Jean-Philippe Guigou ha lavorato con il regista polacco Andrzej Zulawski illustrando le edizioni DVD americane di alcuni suoi #film, un suo libro e realizzando un #film documentario in comune.

Nicolo’ Bongiorno, figlio di Mike, è regista, produttore creativo, sceneggiatore e attore. Ha scritto e diretto documentari biografici e storici per la televisione italiana con uno stile visionario e poetico. Attualmente sta lavorando a una serie di documentari di esplorazione, tra i quali Le tour du Rutor, tra i #film fuori concorso in proiezione al #festival, cercando di sviluppare una dimensione visiva di avventure umane che diventano una ricerca trasformativa per un’esperienza esistenziale.

Maggiori informazioni nel comunicato stampa da scaricare