giugno 29, 2018 - BMW

BMW Group Technology Workshop 2018

E’ tempo di cambiamenti epocali nell’industria automobilistica, con l’arrivo di nuove tecnologie digitali e di aziende fino ad ora estranee al mondo dell’auto che per contro hanno in mano le giuste conoscenze informatiche e rendono la competizione sempre più dura e sfidante.

Il #bmwgroup ha l’obiettivo di guidare questi cambiamenti con la flessibilità dei propri prodotti e della propria struttura aziendale che sono, così, in grado di cambiare e adattarsi ai nuovi scenari futuri. Stiamo costruendo, oggi, la mobilità del #futuro.

La Strategia NUMBER ONE > NEXT del #bmwgroup vede la mobilità elettrica, la digitalizzazione, la guida autonoma ed i servizi come punti chiave di sviluppo per rimanere driver di innovazione per la mobilità e le tecnologie del #futuro. Come fornitore di mobilità premium, il #bmwgroup si concentra sulle necessità e sui desideri dei clienti, giocando un ruolo decisivo nei temi ACES (Autonomous, Connected, Electrified and Services).

A – GUIDA AUTONOMA

Nuovo centro di eccellenza per la guida autonoma.

BMW ha inaugurato il nuovo Campus per la guida autonoma a Unterschleißheim nelle vicinanze di Monaco. Il nuovo Campus per la guida autonoma del #bmwgroup rappresenta lo stato dell’arte in terMini di eccellenza ed efficienza di creare innovazione e sviluppo in grado di assicurare la sostenibilità futura del Gruppo.

Il nuovo campus, si sviluppa su una superficie di 23.000 metri quadrati di uffici in grado di ospitare 1.800 dipendenti provenienti da aree di competenza differenti. Specialisti IT, sviluppatori di software nelle aree di intelligenza artificiale, machine learning e data analisys si incontrano in uno “new working environment” costituito da una struttura open space con un uso flessibile degli spazi in grado di integrare diverse metodologie di lavoro e supportare la creatività, flessibilità, efficienza ed autonomia degli sviluppatori. Questo significa, ad esempio, che uno programmatore software può testare immediatamente il nuovo codice in un’auto di test direttamente disponibile nel Campus.

Il #bmwgroup traccia la strada con coscienza per la guida autonoma di domani secondo i seguenti passi.

Livello 2 (oggi): i sistemi di assistenza al guidatore come primo passo verso la guida autonoma. Il guidatore è responsabile della guida in ogni momento (è necessario il contatto delle mani sul volante).

Livello 3 (dal 2021 con la #BMW iNext): quando il livello 3 sarà raggiunto, per la prima volta il controllo del veicolo sarà condiviso tra l’auto e il guidatore. Durante la guida autonoma nel traffico in movimento nella medesima direzione e separato dal traffico incrociante, il guidatore sarà in grado di fare attività secondarie a bordo dell’auto o rilassarsi per lunghi periodo (eyes off). Il guidatore deve rimanere in una posizione che gli consenta di prendere il controllo completo del veicolo in un tempo ragionevole (pochi secondi) quando richiesto dal sistema. 

Livello 4 (dal 2021 con alcune restrizioni tecniche, #BMW iNext): guida completamente autonoma nel traffico urbano e – in a versione con funzionalità estese – nel traffico in movimento nella medesima direzione e separato dal traffico incrociante. Il guidatore può dormire nei viaggi a lunga distanza se necessario. La differenza sostanziale con il livello 3 è che il tempo di “assenza del guidatore” è più lungo (mind off).

Livello 5 (sviluppato in parallelo con i livelli 3 e 4, probabilmente possibile dopo il 2020 in forma di progetto pilota): guida autonoma, volante e pedali non strettamente necessari, sedili per passeggeri senza alcun coinvolgimento nella guida; patente non richiesta (driver off). Il veicolo può essere equipaggiato con pedali e volante per permettere a un passeggero il piacere della guida, ma non sarà mai obbligato a farlo.

C – CONNETTIVITA’

All’avanguardia da 20 anni: #BMW ConnectedDrive. Il #bmwgroup festeggia nel 2018 il ventesimo anniversario della propria offerta commerciale di servizi digitali per le vetture, che ha avuto inizio nel 1998 con l’optional “BMW Assist” che comprendeva i servizi telematici disponibili a quel tempo. Nel corso degli anni sono numerose le innovazioni che #BMW ha introdotto tra i servizi disponibili: dalla chiamata di emergenza all’accesso a internet in vettura, dallo store online con cui rinnovare i servizi o acquistarne di nuovi alle più recenti novità per il 2018: il nuovo sistema operativo di bordo #BMW Operating System 7.0, la possibilità di avere il software dell’auto costantemente aggiornato grazie a Remote Software Update e la #BMW Digital Key, per aprire e avviare l’auto e anche condividere la chiave con 5 persone diverse, il tutto semplicemente e in tutta sicurezza attraverso il proprio smartphone. Insieme a queste novità, la gamma dei servizi digitali #BMW ConnectedDrive comprende soluzioni per la sicurezza (chiamata di emergenza intelligente), per la gestione della vettura e la sua manutenzione (Remote Services, Teleservices), per il comfort (Concierge 24/7, riconoscimento vocale evoluto, condivisione della propria posizione Live Trip Status), per la pianificazione delle destinazioni (app #BMW Connected, Real Time Traffic Information, funzione Send To Car), per l’entertainment (streaming musicale Online Entertainment e Preparazione Apple CarPlay) e anche per la produttività in vettura (integrazione Microsoft Office 365 e Skype for Business). 

MINI Connected e #Mini Connected App. Anche i Clienti #Mini, a partire dal lancio della nuova generazione di servizi nella primavera del 2018, possono accedere a un mondo digitale di servizi personalizzati, concepiti per rendere la gestione della mobilità più semplice e integrare perfettamente la propria #Mini nella propria vita digitale. Le esistenti dotazioni in portfolio, come Intelligent Emergency Call e Teleservices, sono affiancate da nuovi servizi che comprendono Concierge Service, Real Time Traffic Information con mappe di navigazione aggiornate e la funzione #Mini Online.

Servizi digitali anche per le due ruote: #BMWmotorrad Connected Ride. Da sempre attenta alla sicurezza a allo sviluppo di soluzioni per migliorare la guida in moto, #BMWmotorrad ha introdotto Connected Ride, l’innovativa piattaforma connettiva che si compone di due funzionalità: dapprima ha esteso la chiamata di emergenza intelligente E-Call alla propria gamma di moto e successivamente ha lanciato l’opzione Connectivity per offrire informazioni ed entertainment al motociclista in maniera rapida e chiara senza alcuna distrazione da quello che succede sulla strada.

Mettere le esigenze dei clienti al centro per integrarsi nella loro vita digitale.L’ideazione e la realizzazione dei servizi digitali e delle tecnologie avvengono secondi i bisogni dei clienti. L’obiettivo finale è un'esperienza digitale a 360 gradi, in grado di avvicinare ulteriormente i clienti alle loro vetture, integrando i numerosi touchpoint disponibili e rendendo possibile utilizzare i servizi ovunque il cliente si trovi. Il tutto attraverso l’utilizzo strategico di una soluzione cloud proprietaria Open Mobility Cloud, appositamente sviluppata per rendere l’esperienza dei servizi digitali immersiva e senza soluzione di continuità, capace di controllare tutti gli ambiti della mobilità: la gestione dell’auto e di eventuali imprevisti, la sicurezza, la pianificazione delle destinazioni, il comfort e il benessere a bordo, l’informazione e l’entertainment, la produttività e la domotica.

E – ELETTRIFICAZIONE

Il #bmwgroup ha consegnato ai suoi clienti, in tutto il mondo, più di 100 mila veicoli elettrificati nel 2017 e dal lancio della #BMW i3 nel 2013 ha consegnato oltre 200 mila auto elettrificate.

A completare i nove modelli elettrificati offerti dal #bmwgroup l’azienda costruisce anche il due ruote ideale per la mobilità elettrica urbana premium: il #BMW C evolution. Le 1.500 unità vendute nel 2017 in tutto il mondo si uniscono alle 100.000 automobili elettrificate.

Per il suo marchio di auto elettriche, #BMW i, che è stato fondato nel 2011, l’azienda ha già assicurato i diritti di identificazione da #BMW i1 a i9, nonché da #BMW iX1 a iX9. Quest’anno ha visto il lancio della #BMW i8 Roadster, seguita nel 2019 da una #Mini completamente elettrica; nel 2020, dalla #BMW iX3 e nel 2021 dalla nuova ammiraglia del marchio per quanto riguarda la #tecnologia, la #BMW iNext, che unirà la mobilità elettrica alla guida autonoma e a nuove opzioni di connettività interne per la prima volta su un modello di serie.

Nuovo centro di competenza per la batterie per auto elettrica.

Il #bmwgroup ha investito 200 milioni di euro nel nuovo “Battery Cell Competence Centre” che verrà inaugurato a inizio 2019 e che è finalizzato ad ottenere la conoscenza tecnologica nello sviluppo e produzione di batterie ad uso automobilistico. Si ricercano sviluppi della chimica e della progettazione delle celle per migliorare la performance della batteria, della sua durata, sicurezza, carica e costi per diventare un punto di riferimento per l’industria.

Il #bmwgroup ha già anni di esperienza in ricerca nelle celle delle batterie e accumulato alti livelli di competenza grazie allo sviluppo dei modelli #BMW i. L’azienda concentrerà i vari centri di competenza dei diversi settori nel nuovo centro di competenza per migliorare l’efficienza dei processi e velocizzare i tempi di sviluppo.

La quinta generazione di trasmissione elettrica del #bmwgroup in arrivo nel 2021: motore elettrico, trasmissione ed elettronica di Potenza uniti in un unico, nuovo componente. 

Il #bmwgroup sta sviluppando la quinta generazione del sistema di propulsione elettrico, previsto per il 2021, in cui l’interazione tra il motore elettrico, la trasmissione, l’elettronica di Potenza e la batteria è stata ulteriormente ottimizzata. Un vantaggio decisivo di questo nuovo sistema propulsivo risiede nel fatto che i singoli componenti del motore, della trasmissione e dell’elettronica di potenza sono stati combinati in un’unica ed indipendente unità elettrica. Unità dal design compatto che occupa uno spazio decisamente inferiore dei singoli componenti delle generazioni precedenti e utilizza un numero inferiore di componenti con una conseguente riduzione dei costi. Inoltre, è stata sviluppata con un concetto modulare che permette di essere modificata in differenti configurazioni, incrementando la flessibilità e la facilità di installazione in differenti tipologie di veicolo.

Nella quinta generazione di propulsione elettrica saranno utilizzate, inoltre, batterie più potenti che permetteranno ai veicoli puri elettrici di raggiungere autonomie fino a 700 km e nei veicoli ibridi plug-in percorrenze in modalità elettrica di 100 km. Il #BMW Gruppo continua a espandere la propria leadership tecnologica nel campo dell’elettrificazione.

La flessibilità della nuova propulsione elettrica e la modularità nuovi sistemi di batteria continueranno ad assicurare al #bmwgroup la libertà di azione anche nel #futuro. Grazie al sistema modulare, dal 2020 sarà possibile prevedere in ogni nuovo modello ogni tipo di sistema propulsivo (termico, elettrico o #ibrido plug-in) a seconda della domanda. La quinta generazione di sistema propulsivo elettrico sarà in grado di equipaggiare veicoli elettrici ed elettrificati ad alte prestazioni con ottime autonomie e pesi ridotti. Sarà estremamente flessibile e potrà essere integrato sull’assale anteriore o posteriore a seconda dell’architettura del veicolo, che potrà disporre di ogni tipo di trazione: anteriore, posteriore o integrale. Questa flessibilità significa che il #bmwgroup sarà in grado di soddisfare la domanda di diverse centinaia di migliaia di veicoli elettrificati nel 2025.

Un network di produzione internazionale

Il #bmwgroup dispone di un network produttivo estremamente flessibile in grado di integrare i veicoli elettrificati. Già oggi, tutti i veicoli ibridi plug-in sono integrati nel sistema produttivo, e vengono prodotti in dieci differenti stabilimenti che si approvvigionano dai tre stabilimenti produttivi di batterie: Dingolfing (D), Spartanburg (USA) e Shenyang (CHN). All’interno del network, lo stabilimento di Dingolfing (D) gioca il ruolo di centro di competenza del sistema di propulsione elettrica.

S – SERVIZI

1978- 2018 Le innovazioni di #BMW Bank e Financial Services. BMW Bank Italia compie 40 anni e lo fa nel segno della continua innovazione, uno dei pilastri fondamentali della strategia del #bmwgroup. Sin dalla sua nascita nel 1978, la società captive del gruppo infatti è focalizzata a fornire al cliente #BMW strumenti ad alto contenuto di:

•      Innovazione: siamo stati tra i primi a credere al Leasing per Privati e a lanciare prodotti di finanziamento con la garanzia del valore #futuro (il Select, anche per i veicoli usati) insieme a FIT, il programma che permette di includere servizi aggiuntivi a scelta del cliente nel piano finanziario.

•      Flessibilità: libertà per il cliente di decidere in un secondo momento se acquistare o semplicemente utilizzare il veicolo fornendo al cliente l’opportunità di costruire il servizio sulla base delle sue reali esigenze.

•      Facilità d’uso: che si traduce nel proporre solo quello di cui ha bisogno il cliente nel modo più facile possibile.

Tutti concetti che hanno visto la loro massima espressione durante il recente lancio di WHY BUY che racchiude nel suo nome la promessa di poter rimandare l’eventuale scelta di acquisto a fine contratto. L’attenzione al cliente è quindi il nostro principale obiettivo e per questo investiamo in innovazione per offrire un’esperienza “zero pensieri” che premi la sua fiducia nei nostri confronti. 

Oggi infatti più di 6 clienti finali su 10 scelgono un veicolo nuovo del gruppo #BMW attraverso le nostre proposte. Ma l’attenzione non si ferma qui perché in un epoca di attenzione alla “Customer Journey”, di sfide tecnologiche, di digitalizzazione e di multicanalità, diventa sempre più importante essere presenti dove e quando il nostro cliente ne ha necessità, fornendo molteplici scelte di contatto senza mai essere invasivi, attraverso strumenti digitali quali:

•      Area web cliente: lanciata già nel 2004 e in costante evoluzione dove il cliente può gestire gran parte delle operazioni in modalità Self Service.

•      Live Chat: introdotta nel 2014 con la finalità di interagire velocemente con un volto “umano” ma attraverso un nuovo canale digitale.

•      Paperless: dal 2017, sollevando il cliente dalla firma fisica della documentazione contrattuale finanziaria. Ad oggi più del 90% dei nuovi clienti usa questo strumento per gestire da remoto le formalità burocratiche, permettendoci di fare la nostra parte nella tutela dell’ambiente, risparmiando il rilascio di circa 2 tonnellate di CO2 (*) in un anno.

•      Digital dox: rendendo facile e immediato l’invio della documentazione personale necessaria per la concessione del credito, che già da questo mese può avvenire in modalità completamente Self Service attraverso il proprio Smartphone in qualunque luogo.

•      Video Advisor: entro fine anno, il lancio di questo strumento permetterà di gestire da remoto il percorso completo di finalizzazione della pratica finanziaria partendo dalla quotazione, passando per la proposta fino a consentire il riconoscimento del cliente a distanza (sfruttando l’acquisizione di immagini tramite web cam, funzionalità di screen sharing e coediting).

40 anni di storia che hanno rappresentato un processo di continua evoluzione ed hanno contribuito a scolpire il nostro DNA di Banca dinamica, costantemente proiettata nel #futuro ed estremamente attenta al cliente, quello di oggi ma anche quello di domani. 

E per celebrare la nostra vocazione innovativa e l’attenzione agli automobilisti del #futuro, dal 28 Giugno viene lanciata una speciale offerta finanziaria ad alto contenuto di servizi come l’assicurazione Incendio e Furto e un programma completo di Manutenzione Ordinaria, veicolata in modo nuovo, leggero e divertente, con un video dedicato alle nuove generazioni attraverso canali social e “unconventional” esclusivamente digitali. L’offerta, in numero limitato e per sole 2 settimane, sarà prenotabile solo attraverso l’indirizzo “40annibank.BMW.it” (attivo dal 28 Giugno) e sarà dedicata ai veicoli ibridi ed elettrici del gruppo #BMW (BMW, #Mini e Motorrad)

*Il calcolo è stato fatto considerando una media di 20 fogli A4 80gr moltiplicati per 30.000 contratti per un totale di 600.000 fogli. Ogni foglio A4 per essere prodotto, emette circa 3,4 g di CO2 (fonte: AssoCarta)