giugno 06, 2016 - Lac Lungano

And Now the Good News Opere dalla Collezione Annette e Peter Nobel

Fino al 15 agosto 2016 il #museo d'arte della #svizzera italiana presenta "And Now the Good News". L'esposizione si dispiega lungo un percorso espositivo con più di trecento opere provenienti dalla #collezioneannetteepeternobel, che indaga gli usi del giornale come mezzo e supporto artistico nel XX e XXI secolo. Un'azione dell'artista svizzero Roman Signer ha inaugurato l'esposizione sabato 28 maggio. 
La presentazione di una selezione di opere appartenenti alla #collezioneannetteepeternobel, il cui denominatore comune è il giornale, rappresenta per il #museo d'arte della #svizzera italiana un'opportunità per indagare il rapporto fra #arte e vita, così come quello fra cultura alta e cultura popolare. Due tematiche, quest'ultime, ineludibili per un istituto museale che si occupa di #arte moderna e contemporanea. Dalla seconda metà dell'Ottocento, gli articoli e le immagini pubblicate sulla stampa scandiscono il ritmo della nostra quotidianità e definiscono il nostro rapporto con lo scorrere del tempo e con le vicende del mondo. Non è dunque un caso se il giornale, nell'intreccio sempre più inestricabile tra #arte e vita che i movimenti artistici del primo Novecento hanno inaugurato, sia diventato uno dei soggetti privilegiati a partire dal quale gli artisti hanno interrogato e continuano a interrogare la realtà. 
L'esposizione "And Now the Good News" a cura di Elio Schenini, curatore del MASI, e Christoph Doswald, curatore della #collezioneannetteepeternobel, presenta al pubblico una selezione di oltre trecento opere, tra dipinti, disegni, fotografie e collage provenienti dalla #collezioneannetteepeternobel. Il percorso espositivo si snoda lungo due livelli del #museo, articolandosi in undici sezioni che seguono un ordine cronologico da inizio Novecento ad oggi. L'allestimento è ritmato da tre grandi periodi che scandiscono la lettura dell'esposizione – la prima metà del Novecento, i decenni dal 1950 al 1980, gli anni dal 1980 ad oggi – introdotti, di volta in volta, da sezioni fotografiche che documentano la presenza e la diffusione della carta stampata nella quotidianità, evidenziando il ruolo fondamentale che la fotografia ha avuto nella storia dei rapporti tra #arte e mass media. Grazie all'ampiezza e alla varietà dei materiali e degli approcci inclusi nella raccolta dei coniugi Nobel, è stato possibile strutturare un percorso espositivo che segue un duplice movimento. Da un lato, vi è una ricapitolazione storica che a partire dai primi collage realizzati nell'ambito del Cubismo, del Dadaismo, del Costruttivismo e del Surrealismo giunge fino alle esperienze delle neoavanguardie, degli anni Sessanta e Settanta; dall'altro, una campionatura del presente a partire da alcune tematiche specifiche attorno alle quali si concentra l'interesse degli artisti per il mondo dei media. Gli artisti presenti nell'esposizione utilizzano la carta stampata come simbolo di una nuova modernità tecnica ed espressione di cambiamento continuo, basandosi sul concetto di news of the day – every day, ponendo la propria attenzione alla realtà quotidiana. Il giornale non è dunque percepito solo come strumento d'informazione, ma anche come supporto che ha ispirato tecniche e strategie artistiche come il frottage per i surrealisti e il collage per i cubisti. In altro modo, la carta stampata può essere percepita come uno strumento d'inganno e di manipolazione delle coscienze come ricordano i lavori dei contemporanei Colby Brid, Kim Rugg, Zhang Dali, David Shrigley e Vedovamazzei che, tra ironia e denuncia, evidenziano il potere della stampa di dare forma al mondo. Nascono così nuovi stili di pittura e composizione visiva in cui intervento artistico e informazione si fondono diventando un tutt'uno, evidenziando talvolta il contenuto (del giornale), altre volte cancellandolo con forme o segni, come nelle opere di Williem de Kooning e Panos Tsagaris. Le sezioni dedicate all'arte più attuale costituiscono ulteriori dimostrazioni di come il confronto con i media sia per gli artisti il punto di partenza per indagare la realtà in cui viviamo, ampliando il discorso verso un ambito sociale e politico. In una realtà ormai totalmente filtrata dallo sguardo dei media, l'arte è infatti diventata il luogo in cui l'enorme flusso di immagini e informazioni che ci avvolgono vengono messe in discussione, criticate, analizzate e sovvertite. La #mostra si chiude con una sezione dedicata al tempo, di cui la pagina del quotidiano del giorno sospesa a mezz'aria ne è iconica. Quest'opera di Roman Signer diventa così al contempo il punto conclusivo di questo racconto e l'inizio di uno nuovo, quello che ogni giorno milioni di persone cominciano leggendo le pagine di un giornale, augurandosi che possa essere finalmente il giorno delle good news. 
Un racconto avvincente in cui si mescolano analisi sociale, riflessione esistenziale, critica politica, indagine filosofica e sovversione ironica, che offre al visitatore un'occasione unica per indagare le relazioni tra #arte e media del nostro tempo, è la riflessione che "And Now the Good News" propone. 
ALCUNI ARTISTI IN MOSTRA

Hans Arp, Alighieri Boetti, John Baldessari, Georges Braque, Olaf Breuning, Joseph Beuys, Christo, Alberto Giacometti, Gilbert & George, Ryan Gander, Candida Höfer, Alfredo Jaar, On Kawara, William Kentridge, Jannis Kounellis, Joseph Kosuth, Barbara Kruger, Robert Longo, Olaf Metzel, Joan Miró, Vik Muniz, Willem de Kooning, Antoni Muntadas, Sigmar Polke, Richard Prince, Robert Rauschenberg, Kurt Schnitters, Roman Signer, Rirkrit Tiravanija, Wolfgang Tillmans, Rosmarie Trockel, Kelley Walker, Andy Warhol. 

Filtro avanzato