marzo 29, 2016 - GAMeC

In occasione del centenario di Trento Longaretti, la GAMeC rende omaggio all’artista con una mostra dedicata ai suoi disegni

In occasione del centenario di #trentolongaretti, la GAMeC rende omaggio all’artista con una #mostra dedicata ai suoi disegni, in visione dal 25 marzo al 5 giugno 2016 presso l’Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di #bergamo, in Città Alta. 

A cura di M. Cristina Rodeschini, la #mostra presenta un aspetto meno noto della produzione di Longaretti, pratica a cui però l’artista si è dedicato tutta la vita.
I lavori coprono un arco temporale dagli anni Trenta al 2016, e presentano soggetti da sempre cari a Longaretti: il ritratto, il tema della famiglia – con la centralità della figura della madre – la vita degli umili, i viandanti, accanto a paesaggi e nature morte. 

Apre la selezione una sequenza di volti di adolescenti che mette subito in luce l’abilità e la sensibilità dell’artista: disegni della metà degli anni Trenta nei quali Longaretti, che aveva solo vent’anni, rivela una padronanza e una profondità di visione di rara densità emotiva. Sono ritratti di bambini e bambine testimoni della vita semplice dell’ambiente di montagna, colti in espressioni e pose spontanee, ma anche studi di volti maschili e femminili, frutto di una ricerca continua negli anni tra il 1937 e il 1938. 

Esempio emblematico dei disegni di questo periodo è rappresentato dall’Autoritratto (1937), in cui Longaretti raggiunge una dimensione di estrema sintesi, caratterizzata dalla precisione e dall’eleganza del tratto. Degli stessi anni è Studio per un quadro (1938), uno dei primi disegni in cui Longaretti sviluppa il tema della famiglia, tra i più longevi della sua produzione. 

Nel periodo che precede la seconda guerra mondiale, l’artista si interessa alla figura e al paesaggio, ma anche alla natura morta di cui resta rara memoria nell’esemplare con bottiglia e vaso del 1940, puntuale e lieve nella sua finitezza. 

Durante la guerra Longaretti è in Slovenia, in Sicilia e in Kosovo e mentre la pratica della pittura si dirada, l’esperienza del disegno diviene metodo quotidiano di osservazione delle nuove realtà che l’artista incontra. I numerosi taccuini riempiti con immagini di luoghi e persone restano un’interessante testimonianza del lavoro compiuto con esattezza e libertà da Longaretti durante questi anni: la vita militare è documentata da una suggestiva serie di ritratti, che il tratto a matita riesce a rendere nella peculiarità delle fisionomie e insieme nella naturalezza delle espressioni. 

Anche il paesaggio richiama l’attenzione dell’artista, e in particolare i meravigliosi scenari siciliani. 

Quando nel 1943 il conflitto mondiale s’inasprisce, Longaretti si trova in Kosovo, zona di guerra particolarmente difficile. E il disegno annota la drammaticità degli avvenimenti: in Villaggio incendiato (1943), l’intensità della scena è resa attraverso un fitto tratteggio a china; Autocolonna in marcia, dello stesso anno, registra la desolazione e la costrizione generate dalla guerra. Anche la sera si tinge di trepidazione nelle ombre scure e nel cielo attraversato da nubi dense in Villaggio in Kosovo (1943). 

Nella seconda metà degli anni Quaranta la produzione di Longaretti subisce una battuta d’arresto; l’attività in #mostra è documentata dal solo disegno della figlia Serena del 1947, ritratta durante il sonno. La tranquillità domestica nel calore degli affetti familiari dà vita a un disegno delicato, giocato sulle morbide rotondità di un volto familiare. 

Durante gli anni Cinquanta la pratica del disegno cede il passo alla pittura: l’artista si dedica infatti alla produzione di alcuni cicli decorativi per le chiese di #bergamo e del territorio, lavoro che affianca all’importante impegno di direttore dell’Accademia Carrara di Belle Arti, dal 1953. 

Affiora negli anni Sessanta un altro tema frequentato assiduamente dall’artista: il mondo ebraico. In una china liquida del 1968, Vecchio Ebreo – Testa di vecchio, il volto di un uomo anziano chiama all’appello con solennità la storia di un intero popolo che con il suo eterno peregrinare rappresenta per l’artista una metafora dell’uomo errante, senza patria. Un soggetto da sempre caro a Longaretti, tanto da riproporlo anche in uno dei suoi disegni più recenti, Ritratto di ebreo (2015). 

Durante gli anni Settanta l’artista viaggia con continuità, tra New York, Parigi, Stoccolma, Canada. Appartengono a questo periodo due disegni, entrambi memorie di viaggio, che segnalano modi diversi di esplorare la realtà: l’uno, dedicato a New York, con i maestosi ponti e lo skyline dei grattacieli sullo sfondo; l’altro ambientato a Parigi con la cattedrale di Notre-Dame, immagine venata di mistero. 

Negli stessi anni riprende il tema del ritratto, di cui sono esempio i fogli con L’ingegner Carlo Pesenti (1973) e Giovanni Testori a #bergamo al Congresso S.I.A.C. (1979). 

Una spettrale Figura ascetica (1980) apre la nuova decade, nel corso della quale Longaretti sviluppa i temi del proprio immaginario sui viandanti, siano essi la coppia ritratta in Figura ebraica di musicante e ragazzo (1984) o intere famiglie. La musica, conforto per l’esistenza dell’uomo, è spesso presente con la rappresentazione di strumenti musicali. 

Tra i lavori realizzati all’inizio del nuovo millennio ricordiamo Da cento anni, cento e cento famiglie (2001), e il tema di Arlecchino, maschera che l’artista include spesso nelle proprie scene figurate, umanizzandola. Fanno parte di questa serie i disegni Dieci maschere (2000) e Testa di giovane Arlecchino (2006), soggetto che molti artisti del Novecento hanno assunto quale metafora esistenziale dell’uomo moderno. 

Il foglio che chiude la #mostra, Viandanti (2016), amplifica, all’interno di un linguaggio maturo, l’esperienza emozionale della vita che Longaretti ha attraversato con piena partecipazione. 

Accompagna l’esposizione un catalogo edito da GAMeC Books che include testi di M. Cristina Rodeschini e Carlo Pirovano, storico dell’arte. 

In coordinamento con la #mostra, la GAMeC ha ideato un secondo progetto in occasione del centenario dell’artista: Longaretti 100 – Opere pubbliche, che ha visto il censimento, lo studio e la segnalazione delle opere pubbliche realizzate da #trentolongaretti in 20 luoghi della città di #bergamo.
Un itinerario percorribile, una mappa, la puntuale segnalazione nei luoghi sveleranno dal mese di aprile e per tutto il 2016 la vastità dell’impegno decorativo al quale Longaretti è stato chiamato da enti e istituzioni della società civile e dalle comunità religiose. 

Presupposto dell’articolato racconto per immagini costituito da cicli affrescati, monumentali opere a mosaico, vetrate, è la progettazione di ciascun intervento attraverso il disegno che alcuni cartoni esposti in #mostra intendono documentare. 

Inoltre, lo Spazio Caleidoscopio, nel cuore della Collezione Permanente della GAMeC, ospiterà dal 25 marzo al 1 maggio 2016 due dipinti di Longaretti: il primo, Madre su fondi rossi a Corniglia del 1977, è stato donato dall’artista per le Collezioni del #museo e ritrae uno dei soggetti da lui prediletti, la madre; il secondo, un Autoritratto del 1956, è parte della collezione dell’Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti di #bergamo

Le opere sono testimonianza della generosità di Longaretti verso le istituzioni cittadine. 

BIOGRAFIA
a cura di Silvia Carminati 

Trento Longaretti nasce a Treviglio il 27 settembre 1916 in una famiglia numerosa: è il nono di tredici figli.
Frequenta il Liceo Artistico di Brera a Milano, al termine del quale si iscrive sia alla Facoltà di Architettura del Politecnico sia all’Accademia di Belle Arti di Brera. Poco dopo abbandona gli studi di architettura scegliendo definitivamente l’arte. All’Accademia è allievo di Aldo Carpi, Francesco Messina e Marino Marini. Nel 1936 Longaretti inizia ad esporre partecipando ad alcune collettive, tra cui i “Littoriali della cultura e dell’arte”. Dal 1938 condivide le tendenze del movimento di “Corrente”, pur restandone a latere.
Partecipa alla prima e alla seconda edizione del Premio #bergamo (1939, 1940).
Dal 1940 comincia la sua cospicua presenza in importanti rassegne nazionali come la Biennale di Venezia (1942, 1948, 1950, 1956, 2011), la Quadriennale di Roma (1952, 1959), la Biennale Nazionale d’Arte di Milano (1955; 1957) e la Quadriennale Nazionale di Torino (1968, 1972). 

Nel 1953 diviene Direttore dell’Accademia Carrara di Belle Arti di #bergamo, che guiderà per venticinque anni improntando la scuola verso una felice apertura intellettuale e coinvolgendo spesso gli allievi nella realizzazione di cicli pittorici. Longaretti rimane nella sua carriera di artista molto coerente sia nei contenuti sia nello stile.
Nel 1967 Raffaele De Grada lo inserisce nel testo Pittura e Scultura degli anni ’60 (Alfieri-Lacroix) e nel 1972 Carlo Pirovano scrive la prima monografia dell’artista. 

Nel 2014 è sempre Carlo Pirovano a firmare il primo volume del Catalogo ragionato della pittura 1930-1972 (Electa). 

La partecipazione a rassegne del panorama artistico nazionale continua ininterrotta. Longaretti è presente alla #mostra Nazionale d’Arte di Firenze (1974), alla Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano (1980 e 1990) e al Palazzo della Permanente di Milano (1986). Nel 1999 espone a Ginevra nel Palazzo delle Nazioni Unite. Contemporaneamente Longaretti allestisce numerosissime personali in musei e gallerie italiani (tra questi la Galleria della Rotonda a #bergamo, la Galleria San Fedele e la Galleria San Carlo a Milano, la Galleria L’Approdo a Torino, il Palazzo dei Diamanti a Ferrara, l’ex-Arengario a Milano, il Palazzo della Ragione e l’Accademia Carrara a #bergamo, la Casa del Mantegna a Mantova, la Fondazione Mazzotta di Milano, il Serrone della Villa Reale di Monza, i Magazzini del Sale a Venezia, il #museo Nazionale Castel Sant’Angelo di Roma), ma anche stranieri (a Zurigo, New York, Buenos Aires, Parigi, Stoccolma, Monaco, Lugano, Hamilton, Ottawa, Toronto, Rotterdam, Berna, Amsterdam, Vienna, Innsbruck, Praga, Cracovia). 

Trento Longaretti nella sua lunga e produttiva carriera realizza numerosi cicli sacri e civili, come quelli conservati in Vaticano, nel Duomo e nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano, nel Duomo di Novara, a Losanna e a Damasco, nonché in molte altre chiese ed istituzioni in Italia e all’estero. Se nella pittura da cavalletto l’arditezza coloristica e compositiva rimane in costante dialettica con il contenuto spirituale dell’opera, nei cicli di affreschi e musivi la misura e l’ordine regnano sulle composizioni nel rispetto delle severe regole liturgiche, che Longaretti conosce bene, e dei valori di cui sono portatrici le istituzioni. 

L’OMAGGIO DELLA GAMeC NELL’ANNO DEL CENTENARIO Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti, #bergamo.

25 MARZO – 5 GIUGNO 2016 

LONGARETTI 100 DISEGNI 

Ex Ateneo di Scienze, Lettere ed Arti Piazza Padre Reginaldo Giuliani #bergamo, Città Alta 

ORARI DI APERTURA
lunedì, mercoledì, giovedì e venerdì: 14:30-18:30 sabato e domenica: 10:00-19:00
martedì chiuso 

BIGLIETTO: € 2,00
CUMULATIVO CON MOSTRE GAMeC: € 5,00 

Info:
Biglietteria GAMeC
Tel. + 39 035 270272 – int. 408 

www.gamec.it

Filtro avanzato