marzo 08, 2016 - Baco Arte Contemporanea

Baco Arte Contemporanea è lieta di presentare la prima personale italiana dedicata all’artista statunitense Israel Lund

Sabato 12 marzo 2016, BACO - Base #arte Contemporanea, è lieta di presentare al pubblico la prima personale italiana dedicata all’artista statunitense #israellund. L’esibizione, allestita presso la Domus Magna di Via Arena a #bergamo, è il terzo ed ultimo capi- tolo del ciclo espositivo che ha visto precedentemente protagonisti l’italiano Erik Saglia (A.E Abstract Existence) e la britannica May Hands (I Have an Addiction), in un processo di sperimentazione improntata verso l’indagine dei nuovi codici pittorici contemporanei.
La #mostra, promossa dalla Fondazione MIA – Congregazione della Misericordia Maggiore e organizzata da BACO – Base #arte Contemporanea in collaborazione con la GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea e The Blank #contemporaryart nasce in seguito a un periodo di residenza nella città di #bergamo.
Il progetto espositivo è composto da una serie di lavori inediti, originalmente orizzontali, che l’artista statunitense ha realizzato mantenendo riconoscibile il proprio stile puramente astratto. Inchiostro, spatole e tele sulle quali viene sperimentata l’assenza di controllo totale, sono i materiali che Lund utilizza per creare le proprie immagini d’ispirazione serigrafica.
Nel contesto dell’attuale era tecnologica, il suo processo pittorico è una combinazione affascinante tra tecniche digitali e analogi- che: partendo dall’utilizzo di fotocopie, fotografie e PDF scannerizzati attraverso applicazioni per smartphone, il percorso che porta a compimento l’opera subisce successivamente un mutamento diventando fisico e materico. Il corpo dell’artista, e la forza che lui stesso genera, diventano gli elementi essenziali per l’esito imprevisto dei suoi lavori.
Israel Lund ha ideato un procedimento di serigrafia su tela grezza, in cui è l’artista stesso a manipolare gli esiti visivi della vernice acrilica sulla tela dosando la propria forza nella pressione della spatola sul supporto. Il risultato ottenuto presenta iconografie astratte e pixellate, dall’effetto simile a quello ottenuto ingrandendo talmente tanto un’immagine fino a farne esplodere la figura. Sulle opere affiorano pattern e campiture dagli effetti ogni volta diversi, la struttura formale delle tele e il loro posizionamento dello spazio riallacciano immediatamente un dialogo con il Minimalismo degli anni Sessanta e l’idea di modularità e scalabilità dell’opera d’arte.
La presenza corporea dell’artista nell’atto generativo diventa una costante imprescindibile dalla quale però, una volta portato a compimento il processo, rimane solamente l’ombra: “Io amo le immagini, ma amo anche la fisicità del supporto. Per me è altret- tanto importante.”
Israel Lund, classe 1980, è nato nel Vermont e attualmente vive e lavora a Brooklyn, New York. L’artista ha studiato presso la Ma- son Gross School of the Arts della Rutgers University,NJ (MFA) e al Pacific Northwest College of Art, OR (BFA). Tra le sue recenti esibizioni sono incluse personali a New York (Eleven Rivington), in California (Roberts & Tilton, Culver City) e in Belgio (Elaine Levy Project, Bruxelles).
Il catalogo delle mostre di #israellund, May Hands e Erik Saglia verrà presntato in occasione della sesta edizione di ArtDate, la principale manifestazione di promozione dell’arte contemporanea di #bergamo che si svolgerà il 13 - 14 e 15 Maggio 2016.
Le mostre di BACO sono realizzate con il sostegno ufficiale della Fondazione Credito Bergamasco. La #mostra di #israellund è resa possibile grazie al generoso contributo di Andrea Rusconi.

A cura di Valentina Gervasoni, Stefano Raimondi, Mauro Zanchi Con la collaborazione di Elsa Barbieri, Francesca Gamba
Inaugurazione | sabato 12 marzo, ore 11.00 Domenica: 10.00 - 13.00 | 15.00 – 18.00 
Altri giorni solo su appuntamento 
BACO Base #arte Contemporanea, Via Arena 9, Città Alta, #bergamo
12.03.2016 – 15.05.2016


Filtro avanzato